Gravidanza, il tuo corpo che cambia

- Categorie : Gravidanza

gravidanza come cambia il tuo corpo.jpg

cambiamenti corpo gravidanza.jpg

Tutte noi sappiamo che una volta scoperto di essere in dolce attesa, momenti indimenticabili e un mix di emozioni ci attendono dietro l’angolo e ci ritroviamo a immaginare tutto nei minimi dettagli: i primi calcetti del nostro bimbo nel pancione, le curve del nostro corpo che si fanno morbide, i capelli più sani e forti, la pelle liscia e vellutata. Insomma, nell’immaginario collettivo, la donna incinta è avvolta da un’aura luminosa e attraente.

Sicuramente sì, ma è anche certo che ognuna dovrà confrontarsi con il cambiamento che il proprio corpo si appresta a vivere, un cambiamento grande e psicologicamente importante.

La gravidanza infatti comporta un costante e graduale aumento di peso che, nella norma, deve essere contenuto tra i 9 ed i 12 Kg. Nei mesi di gravidanza infatti si sviluppano il feto e l’utero, si formano la placenta, il liquido amniotico e le membrane, i tessuti trattengono una maggiore quantità di liquidi e si deposita una certa quantità di tessuto adiposo.

Il seno aumenta di volume, le areole ed i capezzoli tendono a scurirsi e può iniziare una lieve secrezione liquida. Verso la fine della gravidanza compare il “colostro”, un liquido che sarà prodotto fino a qualche giorno dopo il parto e che sarà il primo “alimento” del bambino, prima della montata lattea.

Potresti avvertire dolori soprattutto in zona lombare e sacrale (lombosciatalgia). Non molto indicate, dunque, le calzature con il tacco alto. Verso la fine della gravidanza a causa dell’aumento di peso potresti avvertire affaticamento e potrebbero comparire gonfiori alle caviglie. In questo periodo è fondamentale cercare di riposare il più possibile.

Per quanto riguarda l’aspetto psicologico ed emotivo, Il tuo corpo che cambia diventa agli occhi del mondo l’evidenza del passaggio verso la nuova identità materna; la percezione del corpo che si modifica e le sensazioni dei movimenti del bambino alimentano l’immaginazione. Così la donna si trova a dover fare i conti con le diverse trasformazioni che avvengono a livello fisico.

Alcune future mamme scattano foto davanti allo specchio tenendosi il pancione.

Altre organizzano veri e propri servizi fotografici per immortalare i momenti più belli coinvolgendo anche il papà.

Altre ancora, invece, fanno più fatica ad accettare la trasformazione, a vedersi diverse da prima. Infatti i cambiamenti corporei possono generare preoccupazioni specifiche e, laddove è già presente un problema rispetto alla propria immagine corporea, le difficoltà si accentuano.

Per questo è importante parlarne, senza sentirsi sbagliate nell’avere delle difficoltà durante quello che viene definito, a livello popolare, “il periodo più bello della vita”. 

Hai bisogno di altri spunti o di parlare con un’ostetrica specializzata? Visita il nostro sito www.primomodo.com o scrivici una e-mail a [email protected], saremo lieti di ascoltarti.

Articolo scritto da Centro Primomodo di Bergamo (Puoi consultare maggiori informazioni sul centro al seguente link https://www.primomodo.com/)

Centro primomodo Bergamo.jpg

Primomodo, inaugurato il 15 settembre 2009 a Bergamo, è un centro polifunzionale dedicato alla famiglia ed alla prima infanzia, uno spazio educativo e sociale per genitori e figli, secondo un attento piano di promozione del benessere della famiglia e del bambino in età evolutiva. Il progetto si articola in corsi, attività e servizi di seguito elencati: per la gravidanza, per i bebè 0-3 mesi, per i bambini in età prescolare 3-6 anni, per bambini e ragazzi 0-14 anni, per i genitori.

Location: La struttura, di circa 550 mq, attrezzata per accogliere esigenze dei più piccoli e dei loro genitori, è dotata di un ampio atrio con ludoteca specializzata e angolo ristorazione con seggioloni, bagni con pluriservizi, fasciatoio e zona allattamento, Family Beauty, Studio professionale per consulenze, tre sale multifunzionali per i corsi e le attività, una sala da ginnastica/psicomotricità/attività motoria ed un'area gioco verde estiva. Le sale multifunzionali per corsi e attività sono di proposito prive di poster o immagini alle pareti, armadi e oggettistica. Questo fa parte della metodologia Primomodo: incontro per incontro, l’ambiente è ricreato ad hoc mediante materiali e strumenti portati nelle aule, sulla base di attività e obiettivi.

Articoli in relazione

Condividi

Aggiungi un commento